IL PILLOLO: CHE COS'E'?

Il "Pillolo" è un contraccettivo ormonale per l'uomo, costituito da una combinazione di due ormoni, un progestinico e l'ormone sessuale maschile testosterone. E' quindi molto simile alla pillola femminile che è composta da un progestinico ed estrogeno.

 

 

 

IL PILLOLO: COME FUNZIONA?
Il meccanismo attraverso cui la somministrazione del "pillolo" fornisce una protezione contraccettiva è l'induzione di un blocco reversibile della produzione di spermatozoi. In seguito quindi alla assunzione del "pillolo" scompaiono gli spermatozoi dall' eiaculato che mantiene tuttavia invariate la quantità e le caratteristiche macroscopiche. L'assenza di spermatozoi è responsabile dell'azione contraccettiva.

 

 

IL PILLOLO: CHE GRADO DI SICUREZZA PUO' DARE IN TERMINI DI EFFICACIA E REVERSIBILITA'?

Dal momento in cui nell'eiaculato non sono più presenti gli spermatozoi si può affermare che il contraccettivo è efficace. Mediamente questa condizione viene raggiunta dopo che sono trascorse circa 12 settimane dall'inizio della somministrazione. Molto importante è il fatto che il blocco della produzione degli spermatozoi non avviene istantaneamente, per cui questo contraccettivo non può avere un utilizzo occasionale.

La reversibilità del contraccettivo è completamente garantita grazie al fatto che non sono danneggiate le cellule primitive da cui si originano gli spermatozoi. Queste cellule entrano invece in una fase di "sonno", smettono cioè di moltiplicarsi e differenziarsi in spermatozoi. Alla sospensione dell'assunzione del "pillolo", queste cellule riprendono la loro attività ridando origine agli spermatozoi. Occorrono circa tre mesi dalla sospensione del "pillolo" affinché la fertilità ritorni ai valori normali.

 

 

E DOPO POTRÒ AVERE DEI FIGLI?

Alla sospensione del trattamento segue la ricomparsa degli spermatozoi nell'eiaculato, dunque il ritorno alla fertilità. Durante gli anni di sperimentazione diversi sono stati i volontari che dopo aver partecipato allo studio hanno desiderato dei figli che sono nati sani.

 

 

IL PILLOLO: FA MALE?

La concomitante assunzione di testosterone assieme al progestinico assicura il mantenimento delle funzioni fisiologiche androgeno-dipendenti fra le quali la potenza e il desiderio sessuali. Questa combinazione di ormoni è stata somministrata a circa un migliaio di volontari, nel mondo, per periodi di tempo variabili da un minimo di 4 mesi ad un massimo di 12, e con diverse formulazioni, orale e iniettabili. Dal monitoraggio dei diversi parametri fisiologici effettuato prima, durante e dopo la somministrazione emerge l'assenza di effetti collaterali importanti. Non sono state notate variazioni cliniche significative di alcun parametro di laboratorio inclusi quelli concernenti la funzionalità epatica, renale e l'assetto lipidico. Non vi sono state neanche variazioni significative a livello prostatico. Questi dati, seppur preliminari in quanto ottenuti su un numero ridotto di soggetti, "in medicina vige la legge dei grandi numeri", e per un tempo limitato, sono molto incoraggianti. D'altra parte, gli ormoni utilizzati nella contraccezione ormonale maschile sono tutti composti noti in medicina in quanto utilizzati singolarmente già da diverso tempo ad esempio nella contraccezione femminile o nei disordini ormonali.

 

 

IL PILLOLO: PROTEGGE DALLE MALATTIE A TRASMISSIONE SESSUALE?

Il pillolo non offre alcuna protezione dalle malattie sessualmente trasmesse. Per i rapporti occasionali o a rischio l'uso del preservativo è indispensabile.

 

 

IL PILLOLO: RIDUCE IL DESIDERIO SESSUALE?

Le valutazioni degli effetti del pillolo sul comportamento e sul desiderio sessuale non hanno indicato alcuna variazione di questi parametri. I volontari riferiscono molto frequentemente di notare un miglioramento della qualità della vita legato ad una maggiore tranquillità con cui è possibile affrontare la vita di coppia, lontana da preoccupazioni e disagi derivanti dall'uso di forme contraccettive meno sicure e confortevoli.

 

 

QUANDO SARA' IN FARMACIA?

Riteniamo che questa combinazione ormonale potrà essere sul mercato nei prossimi 6-7 anni.

 

 

QUALI CONTRACCETTIVI ESISTONO PER L'UOMO?

La scelta dei contraccettivi per l’uomo è limitata a pochi metodi quali condom, coito interrotto, astinenza periodica e vasectomia (in Italia non è permessa). Questi metodi hanno notevoli limitazioni. Infatti o sono poco efficaci, come il coito interrotto, astinenza periodica e condom o sono irreversibili come la vasectomia.
In contrasto il pillolo è un metodo contraccettivo altamente efficace e reversibile.

Contraccettivo
N° di utenti
(milioni)
% di fallimenti
in un anno di utilizzo
Condom
49
12,0
Sterilizzazione maschile
45
00,2
Coito interrotto
41
18,0
Astinenza periodica
32
20,0

 

 

 

IL PILLOLO: DOVE SI SPERIMENTA?

Questa combinazione viene sperimentata da circa 7 anni in 6 centri nel mondo: Italia, Germania, Inghilterra, Australia, Stati Uniti e India.

 

 

E SE VOGLIO PARTECIPARE ALLA SPERIMENTAZIONE?

Per partecipare alla sperimentazione è necessario avere un colloquio informativo presso la I Clinica Ostetrica e Ginecologica, Università degli Studi di Bologna, Via Massarenti 13, 40138 Bologna, che potrai prenotare anche chiamando dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.00 allo 051-6363716. La responsabile dello studio è la Dott.ssa Maria Cristina Meriggiola.


 

 

DOPO AVER PARTECIPATO ALLA SPERIMENTAZIONE.......

Raccolta di testimonianze dei volontari che hanno partecipato alla sperimentazione e delle loro partner.

Alla fine dello studio M.C. ci dice: "io e la mia partner siamo veramente dispiaciuti per la fine dello studio. Questo rappresenta per noi nuovamente il difficile momento di dover fare una scelta contraccettiva nella quasi totale assenza di soluzioni alternative alla pillola femminile".

F.B. dice: "Fate presto prima che sia troppo tardi!"

Una partner dice: "è stato molto interessante sentirsi sollevata dalla responsabilità della scelta contraccettiva. La nostra relazione sessuale è notevolmente migliorata durante la partecipazione alla sperimentazione".

La partner di I.G. dice: "Ho pensato al pillolo come ad una cosa veramente fantastica! Interrompere la pillola mi ha dato la possibilità di rendermi conto che gli stati depressivi in cui cadevo prima dipendevano solo da "lei". Adesso sono veramente molto soddisfatta! Detesto l'idea di ritornare indietro. Desidererei che questo pillolo fosse già disponibile!"

Diverse partner ci dicono: "abbiamo notato un aumento del piacere sessuale attribuibile alla consapevolezza di non rischiare di avere gravidanze indesiderate e al non sentire più' quella perdita di desiderio così spesso associata alla pillola".

A.M. e partner ci dicono: "Era perfetto; se fosse disponibile da domani faremmo immediatamente questa scelta. Siamo soddisfatti, ne abbiamo parlato agli amici che principalmente ci chiedono se ci sentiamo sicuri che funzioni. Ci piacerebbe sapere quando sarà in commercio, ma staremo ad aspettare!"

E.C. e partner dicono: "Partecipare allo studio è stato utilissimo e se sarà possibile lo rifaremo".

M.F. dice: "preferivo continuare ad utilizzare un metodo maschile (riferito al pillolo) piuttosto che quello che sono costretto ad utilizzare adesso".

B.R. dice: "la sperimentazione è stata impegnativa, ma sono contento di contribuire a portare il "pillolo" in commercio il più presto possibile".

 

 

COSA NE DICONO GLI UOMINI?

Nel caso decidessi di prendere Il pillolo, quale sarebbe Il principale motivo?

Risposta
% uomini intervistati
Per un principio di parità uomo/donna
39,5
Perché preferisco avere io il controllo della contraccezione
44,0
Per nessun particolare motivo
16,5

Convegno Nazionale AIED sulla Contraccezione Maschile Roma, 1 aprile 2000

 

 

COSA NE DICONO LE DONNE?

Ti fideresti domani di un uomo che ti dicesse di prendere il pillolo?

Risposta
% donne intervistate
Si
23,5
No
36,5
Non so
40,0

Convegno Nazionale AIED sulla Contraccezione Maschile Roma, 1 aprile 2000